Prestiti, fondi e bonus per la nascita di un figlio

Alla continua ricerca di stimoli per far fare più figli agli italiani, lo Stato eroga una serie di contributi, bonus, voucher e così via, solo parzialmente incorporati nel nuovo assegno sui figli, di cui parleremo più avanti.

Aiuti per chi ha figli

L'ultima Legge di stabilità, o Finanziaria se volete, ha confermato gli incentivi alle nascite per chi mette al mondo un figlio. Del resto la bassissima natalità del nostro paese è un problema che non si può più aspettare di provare a risolvere. Certo, le misure messe in atto non sono risolutive del problema, ma le risorse a disposizione, lo sappiamo, sono quello che sono. Comunque, vediamo quali sono le altre misure di sostegno economico per chi fa figli contenute nella Finanziaria 2023, rimandandovi all'articolo sui Bonus Famiglia per l'elenco completo di tutti gli aiuti economici per chi fa figli oppure per coloro che hanno una famiglia numerosa. Inizialmente pensati per chi mette al mondo un bebè, tutta una serie di contributi per le nuove nascite sono stati allargati anche ai non-neonati. Vediamo quali sono gli aiuti alle famiglie con figli piccoli, a quanto ammontano e quali sono i requisiti per richiederli.

Assegno per i figli e Family Act

Il Governo Meloni lo ha incrementato, legandolo ancora di più all'Isee. Non si tratta di una soluzione definitiva al problema dei costi di gestione dei figli, ma comunque è un aiuto. In ogni caso, trovate informazioni dettagliate sull'assegno per i figli nell'articolo di approfondimento che vi abbiamo appena linkato. Va detto che l'assegno per i figli è parte integrante di un progetto più ampio, chiamato Family Act, lanciato a suo tempo dal Governo Renzi, che prevede tutta una serie di misure che dovranno diventare realtà, almeno si spera. Elenchiamole brevemente:

  • Nuovi assegni familiari fino a 18 anni d'età
  • Detrazioni fiscali per la retta dell'asilo nido
  • Bonus per spese dei figli (sport, cultura, sanità e così via)
  • Estensione del congedo parentale
  • Permessi retribuiti per malattia dei figli e colloqui con i professori
  • Indennità integrativa neo mamme
  • Incentivi alle imprese per la flessibilità dell'orario lavorativo
  • Detrazioni fiscali per l'università (libri e affitto)
  • Agevolazioni acquisto prima casa giovani coppie

Premio alla nascita (premio mamma domani)

Un assegno una tantum, da 800 euro, alle future mamme in stato interessante, erogato al settimo mese di gravidanza o al momento dell'adozione. Non ci sono vincoli di reddito, quindi questo bonus va a tutte le donne che aspettano un figlio e non concorre al reddito complessivo.

Bonus asilo nido

Vale per figli fino a 3 anni d'età e l'importo dipende dal valore dell'ISEE minorenni. Esistono dei requisiti per accedere al bonus asilo nido, che spieghiamo in dettaglio nell'articolo di approfondimento su questo contributo che vi abbiamo appena elencato. Approfondiamo anche il discorso relativo alla decadenza del beneficio se si perdono i requisiti necessari. Il bonus asilo nido prevede anche la variante assistenza domiciliare, nel caso in cui il minore sia impossibilitato a frequentare un asilo nido a causa di una patologia grave e cronica. Va detto che questo contributo non è cumulabile con la detrazione fiscale del 19% sulle spese sostenute per iscrivere uno o più figli all'asilo nido, così come non è cumulabile con i voucher asili nido e babysitter.

Altri sconti ed esenzioni

Vediamo quali sono le altre misure per chi fa figli ed ha un reddito basso.

  • 50% del canone telefonico
  • Una riduzione del 50% del costo sul canone telefonico Telecom, ma solo per le famiglie a basso reddito (non superiore a 6.713,94 euro). Attenzione perchè lo sconto è sul canone, non sulle telefonate, inoltre è possibile solo se si ha un contratto con Telecom.

  • Sconti bollette
  • Solo per famiglie a basso reddito. Parliamo di agevolazioni fiscali per il pagamento delle bollette luce, gas e acqua. Va detto che lo sconto per il consumo di acqua è possibile solo in alcuni Comuni.

  • Esenzione ticket
  • Possibile solo per i cittadini con basso reddito prevede l'esenzione dal ticket sanitario per tutta una serie di analisi e prestazioni.

Prestiti per famiglie che fanno figli

Fondo di credito nuovi nati (finanziamento con TAEG agevolato)

Nella sostanza si tratta di un prestito agevolato fino a 5.000 euro da restituire in un massimo di 5 anni. Il fondo fornisce una garanzia sul prestito, parliamo come abbiamo visto di un piccolo finanziamento, concesso alle famiglie che avranno un figlio nel 2023 o che lo adotteranno. Viene quindi evitata l'istruttoria creditizia generalmente effettuata da un istituto bancario quando si chiede un prestito. Grazie alla garanzia del fondo di credito nuovi nati le famiglie che riusciranno ad ottenere il prestito pagheranno un TAEG agevolato corrispondente al 50% del tasso effettivo globale medio (Tegm). Se vi può interessare, visto che parliamo di prestiti, vi consigliamo la lettura dell'articolo su cosa succede quando non si pagano i debiti, dove spieghiamo le procedure che portano al pignoramento ed esproprio dei beni del debitore insolvente, dalla messa in mora alla lettera di precetto. Troverete informazioni anche sui tempi di prescrizione e sulla nullatenenza, vale a dire cosa rischia chi non ha un reddito e non paga i propri debiti. Vediamo adesso una sintesi delle caratteristiche principali del fondo di garanzia.

  • Nessun limite di reddito
  • Il prestito può essere richiesto senza nessun limite di reddito, ma nel caso di reddito inferiore a 15.000 euro la garanzia dello Stato passa dal 50 al 75%.

  • Nessuna finalità
  • Non è necessario giustificare la richiesta di finanziamento. La somma ottenuta può essere utilizzata a piacimento per qualunque tipo di spesa.

  • Le banche non sono obbligate a concedere il prestito
  • La presenza del fondo di garanzia da parte dello Stato non rende obbligatoria per gli istituti di credito la concessione di un prestito alle famiglie che fanno un figlio. La cosa rimane comunque a discrezione delle singole banche che decidono di aderire all'iniziativa.

  • Bambini con malattie rare
  • Per le famiglie in cui sia presente un bambino nato o adottato che sia portatore di una malattia rara viene applicato un TAEG ancora più agevolato, esattamente lo 0,05% del tasso globale medio.

Prestito Inpdap per la nascita di un figlio

Anche la pubblica amministrazione cerca di fare la sua parte per venire incontro alle famiglie che mettono al mondo un nuovo nato. Vediamo quali sono le caratteristiche del Prestito Inpdap per la nascita di un figlio, che prevede, va detto, un tasso di interesse agevolato.

  • Beneficiari
  • Lo possono richiedere tutti i dipendenti, gli ex dipendenti o i pensionati della pubblica amministrazione.

  • Finalità
  • Il prestito Inpdap per la nascita di un figlio è un finanziamento finalizzato all'acquisto di beni e servizi legati alla nascita di un bambino e può essere richiesto solo per sostenere spese di questo genere.

  • Chi lo eroga
  • Il prestito è erogato direttamente dall'Inpdap, l'Istituto nazionale di previdenza per i dipendenti della pubblica amministrazione, che fa capo all'Inps, ma anche da altri enti con cui sono state stipulate convenzioni.

  • Capitale
  • Vengono finanziati fino a 15.000 euro per l'acquisto di tutto ciò che è necessario per affrontare l'arrivo di un neonato. Si tratta, quindi, a tutti gli effetti, di un prestito per neo-genitori.

  • Rimborso
  • La restituzione avviene mediante cessione del quinto (stipendio o pensione), rimborsabili in un massimo di 10 anni, quindi 120 mensilità.

  • Requisiti
  • Per richiedere il prestito Inpdap per la nascita di un figlio si può avere un'età che va da 18 a 70 anni, bisogna essere residenti sul territorio italiano, è necessaria l'iscrizione alla gestione delle prestazioni creditizie sociali e aver versato i contributi presso l'Inpdap durante il corso del servizio lavorativo.

  • Documenti
  • Per fare la domanda di finanziamento sono necessari un documento d'identità in corso di validità, l'ultima busta paga o il cedolino della pensione, il certificato di nascita del marmocchio e lo stato di famiglia.

  • Tempistica
  • L'Inpdap avverte che per richiedere il prestito bisogna rispettare l'arco massimo di 12 mesi dal momento della nascita del figlio, che ho chiamato marmocchio per affetto.

Messaggio per chi fa un figlio in questo nostro amato e disgraziato paese: siete degli eroi. Bravi!

Argomenti che potrebbero interessarti

Contenuto simile

Altre sezioni