I leasing finanziario e operativo - Differenze e convenienza

Una delle forme più comuni per l'acquisizione di un bene, da parte di attività d'impresa, è quella del leasing, di cui esistono due diverse versioni: il leasing finanziario e quello operativo. Vedremo nel corso dell'articolo quali sono le differenze principali tra le due modalità di leasing e quando è più conveniente l'una piuttosto che l'altra. Cominciamo con l'elenco degli argomenti principali di questo articolo.

  • Cos'è il leasing finanziario
  • Come funziona il leasing operativo
  • Differenze principali tra leasing finanziario e operativo
  • Quale conviene di più

Cos'è il leasing finanziario

Si tratta, semplicemente, di una sorta di "contratto terzi". Una società finanziaria acquista un bene da un rivenditore, o produttore, e lo concede in usufrutto ad un soggetto terzo, per un periodo prestabilito e dietro il pagamento di un canone concordato. Nel leasing finanziario, quindi, il bene in oggetto viene sostanzialmente affittato o noleggiato. Il caso più comune di leasing finanziario è quello relativo ad un mezzo, tipicamente l'automobile, ma anche i macchinari di un'azienda. Questo sono i casi più diffusi in cui la formula del leasing viene maggiormente adottata. In genere, nel contratto di leasing viene stabilito un cosiddetto "maxi canone", erogato alla stipula del contratto, un canone da versare periodicamente alla società finanziaria ed infine una eventuale maxi rata finale con cui è possibile riscattare il bene in oggetto.

Caratteristiche contrattuali

Nel canone periodico sono ovviamente compresi gli interessi al soggetto finanziatore ed eventuali spese, oltre al costo del bene. Va specificato che di solito i rischi connessi all'utilizzo del bene ottenuto mediante la formula del leasing finanziario sono a carico del cliente, quindi dell'utilizzatore finale. Al termine del periodo contrattuale il cliente può decidere se riscattare il bene, pagando il prezzo del riscatto finale, se estendere la locazione oppure restituire il bene stesso e porre termine quindi al leasing.

Quando conviene il leasing finanziario

Uno dei vantaggi del leasing finanziario, ed una delle principali differenza con quello operativo, è proprio di poter decidere se riscattare il bene oppure porre termine all'operazione. La convenienza o meno dipende da tutta una serie di fattori impossibili da preventivare e che variano da caso a caso. Il costo finale del bene e quello del leasing sono certamente i due fattori determinanti per decidere se passare al riscatto oppure terminare definitivamente la locazione.

Leasing operativo e differenze con quello finanziario

A differenza di quello finanziario, il leasing operativo, chiamato anche semplicemente "noleggio", non prevede necessariamente la presenza di un terzo soggetto che acquista il bene e poi lo concede in leasing ad un altro soggetto. Spesso il leasing operativo viene messo in atto direttamente dal produttore del bene ed è caratterizzato dalla presenza di diverse tipologie contrattuali, non esistendo di fatto uno standard.

Caratteristiche principali

Di solito, nei contratti di leasing operativo il periodo di locazione, va dai 18 ai 60 mesi, anche se ci possono essere accordi diversi tra le parti. Una differenza importante tra il leasing finanziario e quello operativo è che in quest'ultimo non è presente una maxi-rata per il riscatto del bene, ma è possibile ottenere l'importante vantaggio fiscale della deducibilità del canone di leasing senza l'esistenza di una durata minima, ai fini di Irap e Ires. Un'altra differenza fondamentale, rispetto al leasing finanziario, è che quello operativo prevede in genere che le spese di gestione e manutenzione del mezzo siano comprese nel costo del canone periodico, così come quelli assicurativi. Ancora: si può anche recedere dal contratto di leasing operativo in qualunque momento, ovviamente con un preavviso ed in certi casi anche dovendo comunque pagare i canoni rimanenti, o chiedere la sostituzione del bene in oggetto. Non è finita, perché una delle differenze più importanti tra il leasing operativo e quello finanziario è che nel primo il rischio dell'utilizzo del bene non ricade sull'utilizzatore, ma sul soggetto che concede il bene stesso. In genere il leasing operativo risulta particolarmente conveniente nel caso di beni a rapida obsolescenza, come ad esempio computer, prodotti tecnologici e simili. Vediamone una breve lista:

  • Information technology
  • Office
  • Settore elettromedicale
  • Macchine industriali
  • Carrelli elevatori
  • Logistica
  • Beni utensili

Argomenti che potrebbero interessarti

Contenuto simile

  • Cos'è e come funziona il crowdfunding

    Prende sempre più piede, anche in Italia, questa forma di finanziamento collettivo mirata alla realizzazione di progetti di vario tipo. Ne esistono diverse tipologie, da quelle che prevedono un ritorno economico per gli investitori a quelle per donazioni.

  • Rogito notarile per compravendite immobiliari

    L'atto di compravendita per un immobile stilato da un notaio rappresenta la soluzione più sicura per entrambe le parti, compratore ed acquirente, e garantisce che tutte le disposizioni di legge siano state rispettate. Costi e modalità.

  • Prestiti tra privati: tipologie e legislazione

    Per chi è protestato, cattivo pagatore, oppure disoccupato, senza busta paga e così via, il prestito tra privati può essere un'ottima soluzione, oltre che l'unica, per ottenere credito. Non è nè facile né economico, ma funziona.

  • Cambiale digitale - Come funziona e quando si può usare

    Manca ancora l'approvazione del Mef, ma si tratta di una novità importante che potrebbe contribuire all'autofinanziamento delle imprese, ancora più utile in un periodo come quello attuale. Non potranno utilizzarla le persone fisiche.

Altre sezioni