BNL Banca Nazionale del Lavoro - Credito per giovani e imprese

Per i privati

Revolution

Due formule: Large e XXL, che si differenziano per la somma che è possibile chiedere e i tempi di rimborso del prestito.

  • Da 500 a 100.000 Euro.
  • Da 6 a 120 mesi.
  • Documentazione
  • Numero dei documenti necessari per la richiesta del prestito ridotti al minimo e tempi di erogazione molto veloci.

  • Interesse.
  • Il piano di rimborso prevede un tasso fisso per tutta la durata del finanziamento

MeritataMente

Pensato appositamente come prestito per giovani e studenti, garantito da un fondo apposito, per realizzare progetti di studio, come l'Erasmus o un Master, per l'autonomia abitativa degli studenti fuori sede o per l'acquisto delle attrezzature necessarie allo studio.

  • Nessuna garanzia di reddito necessaria.
  • La garanzia viene dal fondo "Diamogli Credito", frutto della cooperazione tra il ministero delle politiche giovanili e l'ABI (l'associazione delle banche italiane), in collaborazione con il ministero dell'università e della ricerca.

  • Fino a 6.000 Euro.
  • Fino a 1.000 Euro per l'acquisto di un computer portatile.
  • Tasso fisso.
  • Dilazionabile fino a 36 mesi.
  • Sono presenti due tipologie: Prestito di Merito e di Lode. Più lo studente consegue risultati meritevoli negli studi e più si abbassa il valore del tasso di interesse.

Professionisti e imprese

Questa soluzione, che si rivolge a imprese, ditte individuali, lavoratori autonomi e professionisti, si divide in due categorie: Revolution Imprese e Revolution Professional. Sono presenti diverse offerte che si differenziano per tempi di erogazione del finanziamento e tassi di interesse.
Si può chiedere un prestito, per esempio, per l'acquisto di nuovi macchinari, automezzi necessari per il lavoro, per finanziare programmi di sviluppo e ricerca, per adeguare gli impianti della propria attività alle norme sulla sicurezza o per l'acquisto di spazi pubblicitari e il deposito di brevetti.

  • Fino a 100.000 Euro.
  • Tasso fisso.
  • Fino a 120 mesi per il rimborso.
  • Assicurazione volontaria
  • Si può associare la polizza assicurativa "Continuity", in modo da garantire il rimborso del debito residuo. Il costo mensile è dello 0,028% per la versione Standard e dello 0,020% per quella Basic.

Pensionati e dipendenti pubblici e statali

La garanzia del prestito è ovviamente la pensione o la busta paga, con il sistema della cessione del quinto.

  • Importo illimitato per i pensionati, 104.000 Euro per i lavoratori del settore pubblico.
  • Da 24 a 120 mesi.
  • Tasso di interesse fisso.
  • E' prevista un'assicurazione (obbligatoria) sulla vita.
  • Convenzionato
  • Convenzione con l'INPDAP per la concessione di prestiti a tassi agevolati con due modalità di rimborso, che ne determinano l'interesse: da 24 a 60 oppure da 72 a 120 mesi.

  • Convenzione con l'INPS.

Argomenti che potrebbero interessarti

Contenuto simile

  • Funzionamento e tipologia delle cambiali

    Utilizzata da sempre per garantire il pagamento di un bene o di un servizio, offre ampie garanzie al creditore, in caso di protesto, compresa la possibilità di passare subito al pignoramento dei beni del debitore insolvente.

  • Compass - Tante offerte a disposizione, ma interessi importanti

    Il massimo che si può richiedere è 30.000 euro, 75.000 per la formula con la cessione del quinto, per pensionati e dipendenti, pubblici e privati. Il simulatore online mostra tassi di interesse non molto convenienti, ma la flessibilità è buona.

  • Prestiti, fondi e bonus per la nascita di un figlio

    Tante le agevolazioni economiche per chi fa figli, anche se non sempre cumulabili. Oltre agli assegni di maternità e a vari bonus sono presenti sia il fondo di garanzia per i nuovi nati che il finanziamento Inpdap per neo-genitori del settore pubblico.

  • I prestiti BancoPosta

    Alcune soluzioni sono piuttosto standard. C'è anche un finanziamento con cessione del quinto riservato a pensionati INPS e INPDAP, con tassi di interesse fissi e in linea con il mercato. Presente anche un piccolo prestito, ma attenzione al TAEG.

Altre sezioni