Il regime forfettario agevolato 2019 - Come funziona

Ci siamo abituati ormai, negli ultimi anni, ad un continuo balletto sulle regole del cosiddetto "regime dei minimi", nella sostanza la fiscalizzazione di autonomi e free lance che fatturano fino ad una determinata soglia all'anno. E' un continuo cambiare aliquote, condizioni e durata. Certo, si capisce la delicatezza dell'argomento, visto lo stato delle nostre finanze, sempre con l'acqua alla gola del debito pubblico, tra l'altro in forte crescita, ed una spesa dello Stato che non si riesce a gestire in modo oculato. Comunque, vediamo cosa dice la normativa 2019 sul regime forfettario agevolato (quello che un tempo era il regime minimo) e cosa cambia rispetto alle regole precedenti.

Il regime forfettario agevolato 2019

Il regime forfettario sostituisce quello dei minimi.

Bene. Cominciamo innanzitutto ad abituarci alla denominazione "regime forfettario", come viene definita adesso la disciplina dei minimi, che rappresenta sostanzialmente le regole che gestiscono la Partita Iva a fiscalità agevolata (se volete sapere come aprire una Partita Iva e come funziona la gestione di questo adempimento contabile, cliccate sul link precedente). Vediamo quali sono le caratteristiche principali e i requisiti necessari per accedere al regime forfettario 2019.

Requisiti essenziali

Rispetto alla vecchia normativa sono cambiate diverse cose. Se precedentemente era presente il limite dei 30.000 euro all'anno di fatturato, adesso i limiti sono stati adeguati alle diverse categorie professionali, anche perchè in molti si lamentavano dell'impossibilità di poter accedera ad una fiscalità agevolata che certo dei vantaggi ce li ha. Inoltre, in una seconda fase, la soglia limite dei ricavi/compensi è stata innalzata, ed inoltre è stata eliminata quella parte dei requisiti di accesso al regime forfetario agevolato 2019 che riguardavano sia il costo del personale che quello dei beni strumentali. Vediamo quindi una sintesi dei requisiti necessari per poter usufruire del regime forfettario 2019.

  • Nuova attività
  • I nuovi contribuenti che attivano un'attività d'impresa, arte o professione, possono accedere al regime fiscale forfetario 2019 se prevedono di conseguire ricavi o compensi che non superino la soglia dei 65.000 euro all'anno.

  • Attività già esistente
  • Possono accedere i contribuenti che già possiedono un'attività, ma non hanno mai realizzato ricavi o compensi superiori ai 65.000 euro all'anno.

  • Somma dei codici Ateco
  • Nel caso in cui si esercitino più attività con codici Ateco differenti, la soglia massima per poter accedere al regime forfettario agevolato 2019 viene calcolata come somma di ricavi o compensi di tutte le attività svolte.

Nessun limite temporale

A differenza delle vecchie regole sul regime dei minimi, che prevedevano un massimo di 5 anni a regime agevolato, basta rispettare le condizioni sul fatturato, a seconda dell'attività svolta, per poter usufruire del regime forfettario agevolato.

Aliquota Irpef

Si paga un'imposta del 15%, contro il 23/27% di una normale partita iva, per le attività già esistenti. Il 5% per le start up, vale a dire per le nuove attività, con dei requisiti da rispettare come spiegato nell'articolo di approfondimento sul regime forfettario per le startup. A questo vanno aggiunti, ovviamente, i contributi pensionistici, materia complessa va detto. Considerate che tutti i vari oneri deducibili per il calcolo della base imponibile, di cui trovate l'elenco nell'articolo su che cos'è Irpef, praticamente non sono applicabili nel caso del regime forfetario. Nella sostanza in questo tipo di fiscalità agevolata viene stabilito uno scaglione a priori con un'aliquota fissa. Quella è e quella rimane.

  • Esenzione dall'Iva e altre semplificazioni fiscali
  • Rispetto al normale regime fiscale non è presente l'Iva, che quindi non va applicata al momento di emettere fattura o ricevuta fiscale, ma che naturalmente non si può scaricare. Tra le altre semplificazioni spiccano l'assenza dell'Irap e degli studi di settore. Sono previste diverse agevolazioni contabili e tributarie. Nell'articolo linkato trovate l'elenco dettagliato dei vantaggi fiscali e contabili del regime forfettario 2019.

  • A chi conviene il regime forfettario agevolato 2019
  • Banalmente, a piccoli artigiani, commercianti e ai tanti lavoratori autonomi a basso reddito. Il freelance sembra quello maggiormente avvantaggiato.

Per il freelance una bella opportunità

Soglie ricavi e compensi

Vediamo la lista delle soglie ricavi/compensi che permettono di accedere al regime forfettario. Nell'elenco è presente anche il coefficiente di redditività da rispettare. Per i dettagli sul metodo di calcolo dell'imposta sostitutiva vi rimandiamo a questo articolo, dove viene spiegato anche come funziona il sistema delle detrazioni, va detto, ridotto al minimo.

  • Industrie alimentari
  • 65.000/40%

  • Commercio all'ingrosso e dettaglio
  • 65.000/40%

  • Commercio ambulante prodotti alimentari e bevande
  • 65.000/40%

  • Commercio ambulante generico
  • 65.000/54%

  • Attività immobiliari e costruzioni
  • 65.000/86%

  • Intermediari del commercio
  • 65.000/86%

  • Servizi di alloggio e ristorazione
  • 65.000/40%

  • Attività professionali, sanitarie, tecniche, scientifiche, istruzione, servizi assicurativi e finanziari
  • 65.000/78%

  • Altre attività
  • 65.000/67%

Tanti aderiscono

Come è ovvio immaginare, vista la pressione italiana, a dir poco insostenibile, soprattutto per chi ha un reddito aziendale basso, al nuovo regime forfettario 2019 ha aderito il 34,6% delle partite Iva aperte quest'anno (dati del Ministero dell'Economia relativi al solo mese di Marzo).

Conviene o no?

La domanda potrebbe sembrare sciocca, ma in effetti vanno fatte delle valutazioni a seconda di una serie di condizioni. Va considerato, infatti, il fatto che con il regime forfettario agevolato non ci sono oneri deducibili per il calcolo del reddito su cui pagare l'Irpef. Nella sostanza, se si sostengono spese per le cure mediche, per un mutuo, per la ristrutturazione della casa e così via queste non si possono dedurre dalla dichiarazione dei redditi!
Va da sè che un regime agevolato conviene soprattutto per chi ha intenzione di aprire una nuova attività, pagando quindi un'aliquota Irpef del 5%, e magari non ha famiglia. A queste condizioni, e con previsioni di basso reddito, almeno in una fase iniziale, il regime forfettario 2019 può essere conveniente. Comunque, con l'introduzione del limite dei 65.000 euro imposto con la Legge di Bilancio 2019, non sono poche le attività già esistenti che possono trarre beneficio dal regime fiscale agevolato. Vanno fatti i calcoli giusti e stabilire se l'impossibilità di detrarre spese e di scaricare l'Iva è penalizzante o meno.

Conclusioni

Nonostante non manchino le perplessità su alcuni fattori che potrebbero contribuire all'aumento dell'evasione fiscale e dello sfruttamento del lavoratore, di cui ci occuperemo in un altro articolo, la nuova disciplina del regime forfettario agevolato 2019 prevede un bell'input per chi avvia una nuova attività. Questo è il soggetto che maggiormente può ricevere un vantaggio dalle nuove regole. Certo, manca nella visione generale del legislatore una prospettiva di sviluppo a medio e lungo termine. Insomma, si dice a chi avvia una nuova impresa "ti do un po' di respiro all'inizio con le imposte, poi però te la devi cavare da solo". Comunque è già qualcosa.

Argomenti che potrebbero interessarti

Contenuto simile

  • I bonus famiglia 2019 da Stato e Comuni

    Per chi ha una famiglia numerosa oppure si trova in una situazione di disagio a causa della perdita totale o parziale del reddito, Stato e Comuni prevedono una serie di aiuti economici, agevolazioni, sconti e contributi alle spese e ai servizi.

  • L'assegno di maternità Stato e Comune

    Vediamo a chi spetta il piccolo aiuto economico destinato alle donne, lavoratrici e disoccupate, che mettono al mondo un figlio. Per ottenere questo bonus natalità bisogna rispettare un limite massimo del reddito Isee ed altri requisiti.

  • Funzionamento del Bonus Bebè 2019

    Chiamato dall'Inps assegno di natalità, questo bonus maternità permette di ottenere 80 o 160 euro al mese alla nascita di un figlio, più un aumento per il secondo. Per fare richiesta è necessario un Isee che non superi i 25.000 euro all'anno.

  • Guida all'Iva

    Cos'è e come funziona l'Imposta sul valore aggiunto di beni e servizi. Differenze tra esigibilità immediata e differita, metodo di calcolo e scadenze per il pagamento. Le agevolazioni, comprese quelle per la prima casa e socio-sanitarie.

Altre sezioni