Fiscalità startup nel regime forfettario

Per una volta meno tasse

Tra le numerose novità previste dal nuovo regime forfettario 2019 spicca lo sconto fiscale applicato alle nuove attività, con una importante agevolazione contributiva per chi avvia una startup. In questo caso, per i primi 5 anni, si paga un'imposta del 5%, invece del 15%. Un modo per mettere in condizione chi avvia un'attività di stabilizzarsi e crescere. Certo, rimane il problema della eccessiva tassazione sul lavoro applicata nel nostro paese, ma la misura è importante e utile, non nascondiamocelo.

La novità

Come molti lettori sapranno, il regime forfettario 2019 può essere richiesto sia da soggetti che hanno già avviato un'attività che da nuovi contribuenti. Naturalmente bisogna essere in possesso di determinati requisiti che abbiamo spiegato nell'articolo linkato. In una prima istanza, con la Legge di Stabilità del 2015, si era stabilito che chi avviava una startup, una nuova attività, ricevesse un'ulteriore agevolazione fiscale, vale a dire un'imposta del 15% per i primi 3 anni di esercizio da applicare sul reddito imponibile diminuito di 1/3. La Legge di Stabilità del 2016 ha apportato una importante modifica alla fiscalità applicata alle startup che aderisco al regime forfettario: per i primi 5 anni si paga una tassazione del 5%. Va aggiunto che questa agevolazione può essere applicata anche a chi ha avviato un'attività nel 2015 ed ha deciso di aderire al regime forfettario per il quadriennio successivo, vale a dire gli anni 2016, 2017, 2018 e 2019.

Requisiti

Bene, vediamo quali sono i requisiti necessari per poter accedere alla tassazione agevolata 2019 del 5% per chi avvia una startup e aderisce al regime forfettario. Attenzione, stiamo parlando solo della fiscalità agevolata al 5%, non del regime forfetario, che richiede la presenza di requisiti specifici come abbiamo spiegato nell'articolo linkato precedentemente.

  • Attività precedente
  • Per poter usufruire della fiscalità agevolata del 5% prevista per le startup dal regime forfetario 2019 è necessario che il contribuente sia effettivamente un nuovo contribuente. Nei precedenti 3 anni all'apertura della startup non bisogna aver effettuato nessuna attività d'impresa, anche a carattere familiare o in forma associata.

  • Nessuna prosecuzione
  • La nuova attività non può essere una prosecuzione di attività svolta precedentemente come lavoratore autonomo o dipendente. Questa regola non vale nel caso in cui si sia svolta la stessa attività come periodo di pratica, che è obbligatoria, per l'esercizio della professione.

  • Prosecuzione di attività di altro soggetto
  • In questo caso la quota di ricavi e compensi che sono stati conseguiti nel periodo di imposta precedente, non deve aver superato i limiti previsti dalla classificazione ATECO per l'attività specifica.

Una buona opportunità

Come abbiamo detto all'inizio, la riduzione delle imposte al 5% per le startup rappresenta un'ottima opportunità per avviare un'attività senza il peso di una tassazione che in Italia tende a soffocare il lavoro, ancora di più se pensiamo che con la Legge di Bilancio 2019 la soglia di accesso al regime fiscale forfettario agevolato è stata notevolmente elevata. Può essere una buona leva per lo sviluppo delle attività d'impresa in Italia, a condizione che l'impossibilità di scaricare l'Iva e di detrarre tante spese invece detraibili in un regime fiscale normale non si dimostri controproducente.

Argomenti che potrebbero interessarti

Contenuto simile

  • Il ravvedimento operoso per il pagamento delle tasse

    Come funziona lo strumento messo a disposizione dal fisco per ravvedersi se non si è provveduto al pagamento di uno o più tributi. Vediamo le scadenze disponibili, il metodo di calcolo delle sanzioni e gli interessi da applicare.

  • I documenti per richiedere l'ISEE

    È necessario fare attenzione a presentare tutta la documentazione necessaria, altrimenti si riceverà una risposta negativa da parte dell'Ente a cui si richiede la prestazione sociale agevolata. Alcuni dei dati da inserire vanno autocertificati.

  • Come funzionano redditometro e redditest

    Una enorme banca dati in cui confluiscono tutte le informazioni relative al nostro stile di vita. Qualunque spesa effettuiamo va a finire in un gigantesco database che poi farà valutazioni su possibili incongruenze con la dichiarazione dei redditi.

  • Revisione auto - Sanzioni e tolleranza zero

    Anche in seguito ai numerosi casi di truffa generalizzata, come si è scoperto a Napoli, sono state introdotte nuove misure e, soprattutto, la completa informatizzazione del settore. Ora la polizia possiede il database completo dei trasgressori.

Altre sezioni