Assicurazione sull'affitto e fideiussione

Negli ultimi anni, per chi cerca una casa da affittare le cose si sono fatte sempre più difficili. L'esplosione dei contratti a tempo determinato comporta per i proprietari di casa una diminuzione delle garanzie richieste per il regolare pagamento del canone d'affitto ed una delle soluzioni al problema che più sta prendendo piede è quella dell'assicurazione sull'affitto, chiamata anche polizza affitto sicuro, sempre più richiesta (ma ci sono anche le fideiussioni, come vedremo). Prima di continuare, vediamo quindi un elenco degli argomenti che tratteremo in questo articolo.

  • Cos'è e come funzione l'assicurazione sull'affitto della casa
  • Cosa copre
  • Chi la deve pagare
  • Quanto costa l'assicurazione sull'affitto
  • L'alternativa fideiussione

L'assicurazione sull'affitto della casa

Le polizze di questo tipo possono avere caratteristiche anche molto diverse tra loro, quindi non è possibile stabilire a priori cos'è e come funziona l'assicurazione sull'affitto della casa sempre e comunque. Quando qualcosa diventa un business, le aziende del settore diversificano la loro offerta e propongono ai clienti polizze assicurative con caratteristiche che possono variare anche di molto e che si adattano alle esigenze di ognuno.

Cosa copre la polizza

Come abbiamo detto in precedenza, l'assicurazione sull'affitto di casa, detta anche polizza affitto sicuro, può differenziarsi molto nelle caratteristiche. Ci sono assicurazioni che coprono solo il rischio di insolvenza dell'inquilino, così come quelle che garantiscono anche i beni conservati all'interno dell'abitazione, eventuali danni arrecati a terzi o i costi legali legati alla gestione della procedura di sfratto. Non ci sono, quindi, regole comuni sulla copertura, con tanto di costi differenziati, ovviamente. È possibile, comunque, fare una sintesi di quello che le assicurazioni possono coprire nell'insieme, con la possibilità per il sottoscrivente di personalizzare la polizza a seconda delle proprie esigenze.

  • Rimborso canone di affitto
  • Nel caso in cui l'inquilino risulti moroso, quindi non provveda più al pagamento del canone di affitto, il proprietario dell'immobile potrà essere risarcito del mancato pagamento. In genere la copertura prevede un massimo di 12 mensilità d'affitto, ma le polizze possono essere differenziate e quindi coprire un periodo maggiore di morosità dell'inquilino, ovviamente con un costo più elevato dell'assicurazione.

  • Danni all'immobile
  • Nel caso in cui l'inquilino apporti dei danni all'immobile, o ad oggetti contenuti nello stesso, la compagnia assicurativa provvederà a rimborsare il proprietario di casa, fino ad un massimale deciso in fase di sottoscrizione del contratto. In questi casi, in genere, non viene previsto il pagamento per l'inquilino del deposito cauzionale normalmente richiesto, che può andare da uno a tre mesi di canone d'affitto.

  • Spese legali
  • Quando l'inquilino non paga l'affitto, il proprietario di casa avvia la procedura di sfratto, naturalmente per mezzo di un avvocato. Il tutto ha dei costi e le polizze affitto sicuro possono coprire anche le spese legali per la procedura di sfratto o comunque per contenziosi con l'inqulino.

  • Rimborso spese condominiali non pagate
  • Se il contratto d'affitto prevede l'obbligo per il locatario di sostenere le spese condominiali, ordinarie o straordinarie che sia, e quest'ultimo non provvede al pagamento, l'assicurazione sull'affitto può mettere al sicuro il proprietario di casa, provvedendo al rimborso delle spese condominiali dovute e non onorate.

  • Costi da sostenere nell'abitazione
  • Esistono polizze assicurative che vanno a coprire anche eventuali costi da sostenere per riparazioni di danni all'abitazione, come ad esempio un problema all'impianto idraulico o elettrico.

Chi deve pagare l'assicurazione sull'affitto

Non esiste una legge o norma che sia che stabilisce a priori chi deve pagare l'assicurazione sull'affitto della casa. Negli ultimi tempi molte agenzie immobiliari propongono sempre più polizze a garanzia dell'affitto che vanno a sommarsi al costo del canone e che quindi sono a carico del locatario, cioè dell'inquilino. Se però si vuole una copertura totale, meglio se l'assicurazione sull'affitto la stipula il padrone di casa, potendo in questo modo personalizzare la polizza sulla base delle proprie esigenze e quindi garantendosi maggiormente contro insolvenze e anche danni all'abitazione o spese legali varie. Le polizze affitto sicuro proposte dalle agenzie immobiliari, infatti, coprono in genere solo il rischio che l'inquilino non paghi l'affitto, con periodi di copertura che possono essere anche piuttosto brevi. Il costo dell'assicurazione potrà poi essere ripartito sul costo del canone di locazione, ma con una maggiore garanzia per il proprietario di casa. Quindi, meglio se a pagare l'assicurazione sull'affitto provvede il proprietario dell'immobile.

Costi dell'assicurazione sull'affitto della casa

Non ci sono regole, ogni polizza può avere dei costi che variano in base a numerosi fattori. Può essere il valore della copertura, quindi se solo il canone di affitto o anche beni, spese legali o danni causati a terzi, la durata della copertura assicurativa e ovviamente le politiche commerciali che ogni azienda mette in atto. Il costo di una polizza affitto sicuro può essere una mensilità di affitto oppure una percentuale sul costo annuale del canone. Non ci sono regole, ma si viaggia su una media del 2% più o meno, a seconda della compagnia a cui ci si rivolge.

La fideiussione come alternativa

Per mettersi al sicuro dal mancato pagamento del canone d'affitto non esiste solo la soluzione assicurazione, c'è anche la possibilità di chiedere al futuro inquilino una fideiussione che garantisca quanto dovuto in caso di insolvenza del locatario (nell'articolo appena linkato trovate informazioni approfondite su come funziona questo strumento di garanzia terzi). La fideiussione dell'affitto non è altro che una garanzia a copertura del rischio di mancato pagamento del canone che, a differenza della normale polizza affitto sicuro, può essere concessa sia da una normale compagnia assicurativa che da un istituto bancario ed inoltre si estende anche ai locali commerciali.

  • Meglio la fideiussione bancaria o assicurativa?
  • In genere le banche prevedono il rimborso dei canoni di affitto non pagati subito dopo la richiesta del legittimo proprietario dell'immobile. Le compagnie assicurative, invece, attendono la sentenza di sfratto nei confronti dell'inquilino moroso, prima di rimborsare il proprietario dell'immobile. Di conseguenza, se i tempi per voi sono importanti, meglio la fideiussione bancaria.

  • Costi
  • Ovviamente, i costi dipendono dalla copertura richiesta, che può andare anche oltre il semplice pagamento dell'affitto. In genere, comunque, il costo di una fideiussione bancaria prevede una quota fissa, di solito di 50 euro, ed un premio annuale che va dal due al tre per cento del canone di affitto. Non ci sono comunque regole fisse, quindi i costi possono variare a seconda della banca a cui ci si rivolge. Per quanto riguarda, invece, il costo della fideiussione di una compagnia assicurativa, di solito quest'ultima chiede una mensilità d'affitto con una copertura dal rischio di insolvenza che dipende dal numero di mensilità richieste.

  • Requisiti richiesti
  • Ogni istituto ha le sue regole, ma in genere il requisito principale si basa sul rapporto tra il reddito percepito ed il costo dell'affitto. Ovviamente, nel momento in cui si richiede una fideiussione, vengono controllate le varie centrali di rischio dove sono segnalati i cattivi pagatori e chiunque ha avuto problemi di insolvenza o di protesto, quindi Crif, Sic e simili. Le banche possono richiedere anche di vincolare una somma di denaro a copertura della fideiussione.

  • Durata
  • Come è facile intuire, la durata della fideiussione è strettamente legata a quella del contratto d'affitto, in quanto il proprietario dell'immobile intende essere garantito completamente e per tutta la durata del contratto stesso.

Argomenti che potrebbero interessarti

Contenuto simile

  • Una pensione integrativa molto flessibile da Generali

    Il vero problema dei futuri pensionati italiani sarà il valore del loro assegno rispetto all'ultimo reddito realizzato. Per molti questa è una certezza, ecco perchè è necessaria una integrazione, almeno per chi se lo può permettere.

  • Quando l'assicurazione RCA non paga i danni

    Sono tante le condizioni che possono portare le compagnie a non rimborsare i loro clienti, sia con le esclusioni che mediante l'istituto della rivalsa, un vero e proprio incubo per tanti automobilisti, con conseguenze spesso gravissime.

  • Generali Pay Per Use, l'assicurazione auto a km

    Alla continua ricerca di soluzioni per risparmiare qualcosa, vista la situazione generale, non sono pochi coloro che si rivolgono a formule di questo tipo. A certe condizioni i vantaggi possono essere anche importanti e significativi.

  • Tutte le polizze assicurative Agos

    Sono disponibili vari prodotti a copertura di infortuni, perdita del posto di lavoro, ricovero ospedaliero, problemi con l'automobile, danni alla propria abitazione e così via. I piani assicurativi possono essere adattati ad ogni esigenza.

Altre sezioni