Funzionamento del Bonus Bebè 2018

Nel tentativo di contrastare la perdurante crisi di natalità, lo Stato italiano ha messo in piedi un sistema di incentivi alle nascite costituito da una serie di bonus maternità di sostegno alle famiglie che fanno figli. Per carità, niente di trascendentale, ma un piccolo aiuto economico sotto forma di assegni, agevolazioni, contributi o bonus che siano non guasta mai. Per chi fosse interessato, vi rimandiamo al nostro articolo sui Bonus Famiglia, dove elenchiamo tutti gli aiuti economici per chi ha figli. Bene, passiamo all'analisi del nuovo Bonus Bebè, la cui denominazione esatta da parte dell'Inps è "assegno di natalità", e analizziamo quali sono le novità 2018, che riguardano soprattutto la durata del contributo. Vedremo cos'è questa agevolazione bebè, quali sono i requisiti necessari (soprattutto quale reddito Isee bisogna rispettare), come funziona e come si richiede all'Inps, quando presentare la domanda del bonus neonati, quanti soldi si ricevono ogni mese e tutte le altre informazioni più importanti.

Cos'è il Bonus Bebè 2018

Per le nuove nascite sono presenti vari bonus nati di sostegno a chi fa figli. Agevolazioni, contributi e aiuti economici.

L'assegno di natalità è un bonus per le neo mamme che consiste in un assegno mensile, erogato dall'Inps, alle famiglie che mettono al mondo un nuovo nato (ma vedremo in seguito anche in caso di adozione e affido preadottivo). Si tratta di un bonus natalità che viene corrisposto mensilmente fino al compimento di un anno di vita del neonato (fino alla Legge di Bilancio 2017 era di 3 anni).

A chi spetta

Hanno diritto al nuovo Bonus Bebè 2018 i nuclei familiari con un reddito Isee non superiore ai 25.000 euro annui. Il contributo viene concesso anche in caso di adozione o affidamento. Prima di procedere facciamo una sintesi dei requisiti necessari per fare la richiesta del Bonus Bebè 2018.

  • Cittadinanza
  • Possono presentare la domanda all'Inps per ottenere l'assegno di natalità i cittadini italiani o di uno stato membro dell'Unione Europea. A questi si aggiungono anche i soggiornanti di lungo periodo con permesso di soggiorno UE. La normativa prevede anche anche la possibilità di fare domanda per il Bonus Bebè da parte di familiari di cittadini dell'Unione Europea in possesso di Carta di soggiorno (permanente se si tratta di familiari non aventi la cittadinanza di uno Stato membro).

  • Residenza
  • L'accesso a questo bonus nascita è riservato solo a chi è residente sul territorio nazionale, quindi in Italia.

  • Caratteristiche del nucleo familiare
  • Il genitore, anche adottante o affidatario e che fa richiesta dell'assegno di natalità, deve risultare convivente con il figlio. In pratica genitore e figlio devono essere coabitanti e la dimora abituale di entrambi deve coincidere e trovarsi nello stesso Comune di residenza.

  • Reddito Isee
  • Nel momento in cui si presenta la domanda per il nuovo Bonus Bebè 2018, il reddito Isee del nucleo familiare non deve superare quota 25.000 euro. Limite che bisogna rispettare per tutta la durata del beneficio di sostegno alle famiglie che mettono al mondo un nuovo nato (il discorso vale anche per chi è senza Isee). Se volete saperne di più sull'indice di ricchezza delle famiglie, vi consigliamo l'articolo sull'Isee e la nuova DSU, dove spieghiamo come fare il calcolo, anche online, e quali sono le agevolazioni, gli aiuti e i bonus per le famiglie a basso reddito.

  • Chi non ha diritto al Bonus Bebè
  • Non sono presenti nella normativa altri soggetti come i genitori separati, le mamme non lavoratrici (le donne disoccupate con figli possono accedere all'assegno di maternità erogato dai Comuni o dallo Stato), le ragazze madri o i padri con a carico un figlio. L'assegno di natalità viene erogato ai nuclei familiari, mentre quello di maternità alle neo mamme, dal Comune se si è disoccupate, dallo Stato se si ha un lavoro, come abbiamo spiegato nell'articolo linkato. Nella sostanza il Bonus Bebè comunale, come viene chiamato da alcuni, non è altro che l'assegno di maternità.

  • Autocertificazione
  • Il genitore richiedente il bonus nascita, ma anche un rappresentante legale, è abilitato all'autocertificazione dei requisiti necessari all'ottenimento del Bonus Bebè. Va chiarito, però, che successivamente l'Inps farà tutti i controlli necessari a stabilire la veridicità dei dati dichiarati in fase di domanda.

  • Genitori non sposati e assegno di natalità 2018
  • Anche se ci sono numerose variabili in gioco, possiamo affermare con buona certezza che anche i genitori non coniugati e addirittura non conviventi hanno diritto a richiedere il nuovo Bonus Bebè 2018. In questo caso il genitore non convivente con il minore per cui richiede l'agevolazione bebè deve compilare il modello FC.4, il cosiddetto Isee per minorenni.

  • Parto gemellare
  • Nel caso in cui si sia fortunati genitori di due bebè in un colpo solo, la domanda va presentata separatamente per ognuno dei gemelli.

A cosa serve il bonus per i neonati

Alcuni, confondendo l'assegno natalità con altri incentivi alle nascite erogati dallo Stato italiano, si chiedono a cosa serva il nuovo Bonus Bebè, in pratica come va utilizzato. In effetti in questo caso parliamo semplicemente di un assegno mensile di 80 euro (160 per chi ha un Isee sotto i 7.000 euro all'anno). Ognuno utilizzerà questi soldi come meglio crede, naturalmente. Per chi fa figli, ancora di più per le famiglie numerose, esistono altri bonus, agevolazioni e aiuti economici che invece vanno spesi in determinati contesti, come ad esempio la Carta Famiglia 2018, che dà diritto a sconti, in negozi ed enti convenzionati, per l'acquisto di tutta una serie di beni e per la fruizione di servizi utili a gestire un nucleo familiare. Per l'elenco di tutti i bonus famiglia e delle novità disponibili nel 2018 vi invitiamo a leggere l'articolo che abbiamo linkato all'inizio.

Come funziona il Bonus Bebè 2018

Riassumiamo le caratteristiche principali dell'assegno di natalità, prima di approfondire il discorso. Più o meno valgono le stesse regole degli anni precedenti, ma ci sono delle piccole novità per il 2018, minime variazioni, va detto, rispetto a quanto stabilito precedentemente. Ricordiamoci che tutto ciò che ha a che fare con questo bonus neonati vale anche nel caso di adozione e affidamento, compresi tempo di avvio e durata dell'erogazione.

  • La durata del nuovo Bonus Bebè va dal momento della nascita fino ad 1 anno di vita
  • La legge vigente prevede un incentivo di 80 o 160 euro al mese per i neonati
  • L'assegno di natalità 2018 viene corrisposto mensilmente
  • Il contributo viene erogato direttamente dall'Inps
  • Se durante il periodo di erogazione si supera il reddito Isee massimo previsto, si perde il diritto al Bonus Bebè

Quando arrivano i soldi e quanto dura

L'assegno di natalità 2018 spetta a chi mette al mondo un nuovo nato dal mese in cui avviene la nascita (oppure dal momento in cui c'è l'ingresso in famiglia per adottati e affidati). Nel caso in cui il genitore richiedente perda il diritto al Bonus Bebè l'altro genitore può subentrare, ma deve presentare una nuova domanda per richiedere l'assegno entro tre mesi. Gli 80 o 160 euro al mese per i neonati del nuovo Bonus Bebè 2018 vengono corrisposti fino ad 1 anno di età del figlio (quindi per 12 mensilità). Va fatta attenzione ai tempi. Per legge bisogna presentare la domanda per l'assegno di natalità entro 90 giorni dalla nascita del bebè. I soldi arrivano dal mese successivo a quello della presentazione della domanda e nel primo pagamento del Bonus Bebè è previsto anche il saldo delle eventuali mensilità arretrate. Per quanto riguarda i tempi di erogazione, quindi, se si vuole che l'assegno di natalità decorra dal giorno della nascita del figlio per cui si fa richiesta, è necessario che la domanda venga fatta nei 3 mesi antecedenti all'arrivo del neonato (quindi al parto o all'adozione).

Quanti soldi spettano

Il nuovo bonus neonati 2018 prevede due diversi importi che dipendono dal reddito Isee di cui dispone la famiglia che fa la richiesta dell'incentivo alle nascite. Il pagamento del Bonus Bebè viene effettuato dall'Inps secondo diverse modalità. Si va dall'accredito sul conto bancario a quello su carta prepagata (ma solo se dotata di Iban).

  • Isee non superiore a 7.000 euro annui
  • In questo caso il pagamento del Bonus Bebè consisterà in un assegno mensile di 160 euro, quindi 1.920 euro totali.

  • Isee tra 7.000 e 25.000 euro annui
  • L'assegno di natalità consisterà in 80 euro al mese e l'importo totale sarà di 960 euro.

Revoca e scadenza

Ci sono varie situazioni che possono portare alla revoca del Bonus Bebè 2018, tra cui la scadenza del primo anno di vita del nuovo nato, naturalmente, ma anche la revoca dell'adozione, l'affidamento del minore ad altri soggetti, un provvedimento negativo del giudice (nel caso di affidamento preadottivo). Naturalmente viene prevista la revoca dell'assegno di natalità anche nel caso in cui durante il periodo di erogazione del contributo si superi il limite massimo del reddito Isee (stabilito a 25.000 euro) che dà diritto a richiedere il nuovo bonus natalità 2018. È necessario provvedere personalmente a comunicare all'Inps la perdita di questo requisito, ma vale anche negli altri casi, entro 30 giorni massimo.

Rinnovo

Con la circolare 261 l'Inps ha stabilito che il modello Isee cambia e che diventa necessario dotarsi della nuova DSU per la determinazione della condizione economica e reddituale della famiglia (come spieghiamo nell'articolo linkato precedentemente a cui vi rimandiamo per vedere come funziona il nuovo Isee, quali sono le novità 2018 e cos'è la Dichiarazione Sostitutiva Unica). Nella sostanza la domanda va fatta una volta, ma il diritto al Bonus Bebè bisogna rinnovarlo ogni 12 mesi (se la nascita è avvenuta prima del 31 dicembre 2017), pena la decadenza degli 80 euro al mese per i neonati (160 per chi è sotto i 7.000 euro di reddito all'anno).

Richiesta del nuovo Bonus Bebè

Bene, vediamo come richiedere l'assegno di natalità 2018, quali sono i documenti necessari e quando fare domanda per ottenere il bonus nascita erogato dall'Inps a chi mette al mondo un figlio (ovviamente tutte le informazioni riportate riguardano anche i minori adottati o in affido preadottivo).

Quali documenti servono

Per fare la richiesta del nuovo Bonus Bebè 2018 è necessaria la Dichiarazione Sostitutiva Unica, la cosiddetta DSU, utile a stabilire il requisito essenziale del limite di reddito Isee che dà diritto a fare la domanda per il bonus natalità di 80 o 160 euro al mese (per il Bonus Bebè si può presentare la DSU mini, che richiede la compilazione di soli due moduli, come spieghiamo nell'articolo di approfondimento). Naturalmente è essenziale che il nuovo nato sia presente nel nucleo familiare indicato nella Dichiarazione Sostitutiva Unica ed inoltre, nel caso in cui il genitore del nuovo pargolo sia minorenne o inabile ad agire (per un motivo qualsiasi), la richiesta del contributo economico per chi mette al mondo un nuovo figlio può essere presentata dal suo legale rappresentante. Ricordatevi che per ottenere la DSU aggiornata, senza la quale non si può ottenere nessun contributo, aiuto economico o bonus che sia, è necessario fornire tutte le informazioni richieste, la cui lista completa la trovate nell'articolo sui documenti per ISEE 2018.

Rinnovo dell'assegno di natalità

Ogni anno (per i nuovi nati prima della fine del 2017) si deve provvedere a presentare il nuovo documento indicativo del reddito familiare per richiedere il rinnovo del Bonus Bebè, pena la sospensione dell'assegno di natalità. Attenzione, perché se la nuova DSU non risulta pervenuta all'Inps entro il 31 dicembre di ciascun anno, il beneficio del bonus neonato decade e si perde l'intera annualità successiva. Quindi preoccupatevi di presentare ogni anno il documento che attesta il nuovo Isee oppure perderete la possibilità di effettuare il rinnovo dell'incentivo per un nuovo nato.

Quando presentare la domanda

Il termine massimo per richiedere il nuovo Bonus Bebè 2018 è entro 90 giorni dalla nascita del figlio (oppure dall'ingresso in famiglia del minore adottato o affidato). L'assegno di natalità viene erogato dal mese successivo alla presentazione della domanda ed il primo pagamento del Bonus Bebè prevede anche gli eventuali arretrati (se la richiesta per gli 80 euro al mese è stata presentata dopo il primo mese dalla nascita del neonato). Chi vuole assicurarsi che il pagamento del bonus avvenga esattamente alla nascita del figlio deve quindi premunirsi di fare la domanda prima del parto.

Come richiedere il Bonus Bebè 2018

La domanda per l'assegno di natalità si effettua online (ma non solo, come vedremo in seguito) all'Inps, utilizzando il servizio apposito da cui si potrà verificare anche il buon esito dell'operazione. Una volta terminate le operazioni e riempiti i moduli necessari il genitore richiedente il bonus nuovi nati riceverà un SMS di conferma della domanda e sarà possibile seguire l'andamento della richiesta direttamente online. Per accertarsi che la richiesta dell'assegno di natalità abbia ricevuto un esito positivo basta accedere alla sezione apposita del sito dell'Inps e cliccare sulla voce "Consultazioni domande". Nel caso in cui il richiedente sia dotato di un indirizzo di Posta Elettronica Certificata, la cosiddetta PEC, può decidere di ricevere l'esito della richiesta del Bonus Bebè presso il proprio indirizzo email. Anche se la procedura online è ovviamente la più comoda e veloce, si può richiedere l'assegno di natalità 2018 anche per telefono, presso il Contact Center, oppure rivolgendosi agli enti di patronato o intermediari dell'Inps.

Argomenti che potrebbero interessarti

Contenuto simile

  • Cos'è la Tasi e come si calcola nel 2018

    Non si dovrà più pagare per la prima casa, tranne nel caso di abitazioni di pregio rientranti nelle categorie catastali A1, A8 e A9. Sono previste anche una serie di agevolazioni, come per esempio nel caso di immobili affittati a studenti.

  • I documenti per richiedere l'ISEE

    È necessario fare attenzione a presentare tutta la documentazione necessaria, altrimenti si riceverà una risposta negativa da parte dell'Ente a cui si richiede la prestazione sociale agevolata. Alcuni dei dati da inserire vanno autocertificati.

  • Come risparmiare sul prezzo dei carburanti

    Certo, la presenza di accise veramente importanti rende difficile, e poco efficace, qualsiasi iniziativa, ma con un po' di conoscenza generale del settore si possono ottenere buoni risultati, alla fine dei conti.

  • La fattura. Cos'è, chi la deve emettere, tipologie

    Tra i vari documenti fiscali la fattura è certamente quello più importante. Vediamo chi è tenuto ad emetterla e come deve essere compilata a seconda della categoria di appartenenza. Quali sono gli elementi obbligatori e quanto si deve conservare.

Altre sezioni