Generali Pay Per Use, l'assicurazione auto a km

L'annoso problema

Come non poteva che essere, le continue e ormai strutturali problematiche economiche di tanti italiani hanno portato sempre più connazionali a cercare soluzioni alternative per alleviare un po' le tante spese che affliggono la vita di milioni di famiglie, si può dire, negli ambiti più disparati.
Naturalmente, come sappiamo benissimo, uno dei costi più importanti e, diciamolo pure, insopportabili, è quello per l'assicurazione dell'automobile, parliamo come è chiaro dell'RCA, una vera e propria mazzata per tanti, anche perchè sono molti coloro che in famiglia possiedono più automobili. Fatti due conti è ovvio che alla fine l'esborso per l'assicurazione auto può assumere veramente dimensioni insostenibili.

Tentativi andati a vuoto

Tutti ricordiamo le misure messe in atto, con tanta fanfara, dal Governo Monti, che però, come era evidente a molti, non hanno prodotto nella sostanza nessun risultato tangibile, se non una leggerissima dimunuzione del costo delle polizze. Del resto rispetto ai propositi iniziali la solite nota, la lobby delle compagnie assicuratrici, aveva provveduto a smontare tutto quello che avrebbe veramente potuto portare dei vantaggi ai cittadini, soprattutto la possibilità per gli agenti di essere plurimandatari, creando quindi tra le compagnie assicurative l'esigenza di una maggiore competizione tra di loro. Ma niente da fare.

L'assicurazione auto a km

Ecco quindi che è nata l'esigenza, per molti l'obbligo, di approfittare delle sempre più crescenti offerte di polizze "a consumo", nella sostanza spendi quanto e quando utilizzi l'automobile. L'assicurazione auto a km conviene, non conviene? Mah, dipende veramente da tanti fattori, in genere dall'uso che si fa dell'automobile. Per alcuni può essere un'opportunità, questo non si discute.
Andiamo quindi a vedere una di queste offerte, parliamo di Generali Pay Per Use, e analizziamone le caratteristiche principali. Sarà poi compito del lettore capire se un'assicurazione auto a km di questo tipo è adatta alle sue esigenze o meno.

Le caratteristiche principali di Generali Pay Per Use

Il prodotto sfrutta la tecnologia GPS, uno standard in questi casi, con l'installazione di una cosiddetta "Clear Box". L'apparecchio, l'installazione e il necessario canone di abbonamento sono gratuiti, quindi il costo del servizio si può considerare a tutti gli effetti All inclusive.
Vediamo ora un elenco delle caratteristiche principali di Generali Pay Per Use

  • Si paga solo per i chilometri effettivamente percorsi
  • Alla base di tutto c'è naturalmente il concetto del "paghi quello che consumi". Quindi meno chilometri si fanno e maggiore sarà il risparmio del costo della polizza per l'assicurazione auto rispetto a quanto avviene normalmente.

  • Assistenza immediata in caso di incidente
  • Oltre all'apparecchio satellitare viene installato anche un pulsante GPS che, in caso di incidente, può essere utilizzato per contattare velocemente la centrale operativa ed ottenere nel più breve tempo possibile le operazioni di assistenza garantite dal contratto.

  • Antifurto
  • Naturalmente l'apparecchio satellitare installato sull'automobile diventa particolarmente utile in caso di furto. Sempre contattando la centrale operativa si può recuperare la posizione esatta del mezzo. Per quanto riguarda la copertura assicurativa sul furto, vale anche per l'incendio, Generali Pay Per Use rimborsa il valore intero a nuovo dell'automobile si immatricolata da meno di 6 mesi, periodo che può opzionalmente essere esteso a 12 o 24 mesi.

  • Tutto viene registrato e certificato
  • I percorsi effettuati vengono registrati e conservati su un'apposita area web consultabile in ogni momento dal cliente. Diventa quindi facile, in caso di problemi, contestare multe o sinistri che ci possono essere erroneamente attribuiti grazie ad un sistema che nella sostanza certifica la posizione del mezzo. Questa caratteristica può essere molto utile in tante occasioni, per esempio per far valere il nostro diritto di accedere alla procedura del risarcimento diretto per la liquidazione danni senza nessuna possibilità di contestazioni da parte della nostra compagnia. Se siete interessati all'argomento, cliccate sul link che vi abbiamo fornito.

Quanto si risparmia con l'RCA a consumo

Sul sito di Generali Pay Per Use si parla di un risparmio sulla normale RCA fino al 18%, senza distinzioni tra classi di merito, del 50% su incendio e furto e del 10/15% sulla Kasko. Ovviamente parliamo di valutazioni generiche da verificare presso un agente e informandosi sui dettagli del prodotto, che come è facilmente immaginabile, può anche subire variazioni nel tempo.
Quello che si può dire è che se si fa dell'automobile un utilizzo molto limitato, allora una polizza per l'assicurazione auto a km non può che risultare vantaggiosa e conveniente. Nel caso in cui invece l'utilizzo del mezzo sia continuo e costante, mah, meglio cercare altre soluzioni.

Argomenti che potrebbero interessarti

Contenuto simile

  • Allianz1 - Flessibile e modulare per una copertura totale

    Una buona soluzione per mettersi l'anima in pace nella vita anche in presenza di eventi che possono inficiare la possibilità di continuare la propria attività lavorativa. Tutto è diviso in moduli completamente gestibili in qualsiasi momento.

  • Una pensione integrativa molto flessibile da Generali

    Il vero problema dei futuri pensionati italiani sarà il valore del loro assegno rispetto all'ultimo reddito realizzato. Per molti questa è una certezza, ecco perchè è necessaria una integrazione, almeno per chi se lo può permettere.

  • Il risarcimento diretto per la liquidazione danni

    Vediamo come funziona la disciplina giuridica che da la possibilità di richiedere il rimborso dei danni subiti in un incidente stradale direttamente alla propria compagnia assicurativa. Ci sono requisiti necessari e campi di esclusione.

  • RCA scaduta - Cosa succede, copertura e sanzioni

    Ormai si è fatta molto più difficile la vita per chi circola con l'assicurazione auto scaduta. Un sistema di telecamere distribuito in tutta Italia controlla la regolarità del mezzo incrociando il numero della targa con un database apposito.

Altre sezioni