Il Decreto del fare e la non pignorabilità della prima casa

Argomento difficile

Il recente Decreto cosiddetto "del fare" interviene su un argomento piuttosto spinoso, quello del pignoramento dell'immobile, nel caso in cui il debitore risulti insolvente. E' banale la considerazione di come il contesto interessi veramente tanti italiani, ormai sempre più in difficoltà, come testimoniato da tutti i dati economici possibili.
Specifichiamo innanzitutto che l'oggetto di cui parliamo può essere solo la prima casa e solo nel caso in cui rappresenti l'unico bene abitativo del contribuente in difficoltà con il Fisco. Inoltre deve rappresentare la residenza anagrafica del soggetto moroso. Insomma, si stabilisce che l'abitazione in cui si vive non può essere toccata, a patto che sia, come abbiamo detto, l'unico bene immobile del debitore.

Le esclusioni

La cosa non vale però per tutti allo stesso modo. Sono escluse le abitazioni considerate di lusso. Per quanto riguarda i criteri che stabiliscono quando un bene di questo tipo è considerato di lusso valgono le caratteristiche espresse nel decreto del Ministro per i lavori pubblici del 2 agosto 1969 e, in ogni caso, quelli che al Catasto risultano inseriti nelle categorie A/8 e A/9.

Quando è possibile l'esproprio

Per quanto riguarda le condizioni che possono portare all'esproprio si stabilisce che questo è possibile quando il credito dovuto supera i 120.000 euro, una soglia ben superiore alle condizioni precedenti. Allo stesso tempo viene previsto anche un tempo minimo, prima che si possa passare all'azione, che deve intercorrere tra l'iscrizione dell'ipoteca e l'avvio dell'atto stesso. Il decreto stabilisce che il tempo minimo tra questi due eventi debba essere non inferiore ai sei mesi.

Una misura necessaria

L'intervento del Governo Letta in materia di non pignorabilità della prima casa era fondamentalmente un atto dovuto. Tutti i dati parlano infatti di una vera e propria esplosione del fenomeno che rischiano di creare veramente una situazione esplosiva, in un contesto già particolarmente difficile, anche e soprattutto dal punto di vista sociale.

Il Presidente del Consiglio

Le fibrillazioni del Governo Letta

Tra le varie misure varate dal Governo, a dir la verità allo stato attuale non tantissime, questa sembra la più concreta e, ci verrebbe da dire, anche la più giusta e necessaria, vista la situazione veramente difficile di tantissime famiglie. Inoltre all'orizzonte, allo stato attuale, non si vedono novità così importanti da determinare un miglioramento delle condizioni economiche del paese. A tutto questo si devono aggiungere le fibrillazioni dell'esecutivo dovute alle problematiche processuali del solito Silvio Berlusconi che rendono la situazione politica e generale sempre più precaria e difficile.

Argomenti che potrebbero interessarti

Generici

  • Sid - Addio al segreto bancario

    E' di pochi giorni fa l'ennesimo allarme della Corte dei Conti sui mancati risultati nella lotta all'evasione, ma adesso le cose potrebbero cambiare, grazie al nuovo sistema con cui l'Agenzia delle Entrate accederà ai nostri conti correnti.

  • Agenda digitale e start-up nei piani del Governo

    La crescita latita e Palazzo Chigi cerca di attuare alcune misure per favorirla. Il 24 agosto ci sarà una riunione interministeriale in cui il Ministro dello Sviluppo Economico presenterà delle soluzioni. Vedremo se saranno efficaci.

  • Sulle bollette dell'acqua non si può caricare il profitto

    Il referendum del 21 luglio 2011 ha stabilito che sull'acqua pubblica non è possibile fare un profitto ma tutti i gestori hanno continuato ad aggiungere nelle bollette la voce "remunerazione del capitale investito". Non si può fare.

  • Aumentano anche le multe stradali

    Non se ne può più. L'automobilista è ormai un vero e proprio bancomat da cui prelevare di continuo. Adesso tocca all'aumento del costo delle multe stradali, con un incremento del 6 per cento, e tutto questo in un paese già tartassato.

  • L'asta per le frequenze 4G e la nuova banda larga mobile

    Parte bene l'asta per l'assegnazione dei 24 lotti di frequenze liberate dalla televisione digitale. All'apertura delle buste le offerte complessive hanno già toccato quota 2,3 miliardi che potrebbero diventare quasi 3 con i rilanci.

Altre sezioni